poesie in dialetto siculo-mistrettese

CU NNI SAPI … ?

Cu nni sapìa tannu ri stu munnu

chi all’aria furria senza abbentu?

Chiusa intra a me testa ri carusu

c’era sulamenti a picciuttanza.

 

A sira quannu stracuddava u suli

era signali chi m’avia a curcari…

ma sulu p’arripusari lu me sciatu:

nun era tiempu chi avia passatu

e mancu vientu chi stuta cannili.

 

Cu nni sapìa tannu ri stu munnu

quannu nicuzzu iu furriava strati strati

ruoppu ca a scola ogni matina

sintìa parlari ri ebbichi luntani,

ri Galibbardo e ri l’antichi romani

e mi parianu tutti surdati

ru stissu regnu ri jurnati.

Quant’era luongu u tiempu ri passari

chi misurava cu me nicu parmu,

ra carusanza finu o nonnu vavu;

ra facci liscia mia e ri compagni,

chi sbulazziavinu a tutti l’agnuni,

finu a chidda arrappata ra vecchia:

a gna Pippina assittata o pisuolu.

 

Cu nni sapia quantu maniati ri cristiani,

una ammuttannu all’autra, anu passatu!

Cu nni sapi ora ri stu munnu

ca cuomu pà nni porta ncuoddu,

e cuomu mastru nni runa ri pinsari

chiddu chi ri nuaddi voli fari…?

Siddu, a squagghiata ri l’acquazzina,

‘n-cielu nni manna o ‘n-terra nni simìna?

 

Lampi e trona

Prima ca u tiempu e a santa-morti

strallucava tanta bona ggenti,

nna dda vanedda unni stava iu

c’erinu casuzzi chini ri cristiani

cu na rriggina pi ogni scarfaturi:

a gna Pippina, Pippinedda e Giusippina;

Marietta, Maralùcia e a gna Catina

n-finu nni Teresa, a punta ‘i cantunera.

Sempri si scummattìenu, cu bontiempu.

Ogni tantu avienu ri scùsiri custùri.

Ma quannu lampi e trona

facienu attirruìri

corcuna niscìa ravant’a porta

e vanniànnu, forti addimannàva:

“Ri-cchì-vvinni a’Scinzioni?”

E aspittava ri corchi-audda na risposta

ca nun-addimuràva: “Ri juovi! Ri juovi!”

Ntra lustriu e scuru

Sugnu, ntra lustriu e scuru, nna sta strata

chi sparti a manu manca ra riritta.

Una arricogghji corchi filu i rienu 

e l’autra u va-ttaccannu a mazzu. 

 

A manu riritta viu spirtizza e scuru!

(Quantu lustriu cc’è mmienzu a ssu scuru?)

A mancunìa, mmeci, vavareddi!

(Quantu scuru cc’è ntuornu a ssu lustriu?)

 

Nno-mienzu c’è stu nasu chi naschìa. 

 

Stasciuni

Di chiddu ca a stasciuni avi 'n-fasci

cuntari ti vulissi picca scrusci.

Nun sacciu siddu st’opra m’arrinesci

o siddu prima riri e pui ci pisci…

Cumpuru e quantu pigghju ri nna cascia

palori agghiummariati comu truscia

e i sbattu forti nna sta ran trancascia

spirannu ca u vientu forti sciuscia.

Ora ca u cauru ogni gghiuornu crisci

e sicca l’acqua a tutti li frusci…

mentri a sira, pa missa, a vecchia nesci,

e Razzino ‘n-campagna a crapa pasci…

appuiannusi nna tutti i mura vasci

u Sinnicu pensa a crisciri li tasci

(puru iddu ora, scarogna baiascia,

truvau a minna sicca e gghjè in ambascia).

A mmari cc’è cu smascia pi li pisci

e fimmini ca s’arruscinu li cosci.

Iu pienzu a cui muriennu n’annivisci

e puru a Maria Laura ca nasci.

Prefazione al libro di FRANCESCO MARIA DI BERNARDO AMATO

Presentazione del libro presso la sezione Avis di Mistretta il 10/12/2006

Prefazione

                                                          

La poesia siciliana –si sa- è importante: con essa, regnante a Palermo Federico II di Svevia, la cui corte Dante definisce culla della poesia italiana, esordisce la nostra letteratura nel passaggio di lingua, poi definitivamente sublimato e suggellato dalla medesima lezione dantesca. Ma esiste una lingua siciliana pre-letteraria? Si potrebbe dire proprio di sì, pensando al lessico e ai ritmi dei canti popolari, dei cantastorie, dei trovatori, degli stornelli, delle serenate; ma anche a quel basso parlato più sobrio che non si impara a scuola e che, a tutt’oggi, si usa nei quartieri, nei mercati…

Importante il dialetto, la sua persistenza! Come se incombesse con l’unilateralità politica, passando attraverso la nozione di globalizzazione economica, un’evenienza che metterebbe a rischio le individualità d’espressione con l’unilateralità definita dalla lingua egemone degli stati più potenti. Perciò sembrerebbe quasi che la riqualificazione dei dialetti venisse ad assumere, in tutta la sua spontaneità, un significato catartico per la conservazione dell’individualità dei popoli, anche quando essi continuino a comunicare tra di loro con una sola lingua ( oggi l’Inglese da tutti accettato con questa funzione). E maggiore è la spinta verso l’esemplificazione riassuntiva delle tecniche di comunicazione all’interno dello stesso modo di esprimersi (omologazione informatica, internet, simbolismo telematico…), tanto più forte cresce e diffonde l’esigenza di salvaguardia dell’entità etnica. Ma questa è solo una mia confabulazione, nella convinzione, forse irrisoria e confutabilissima, che i poeti sono a volte “indovini”, avanguardia e fanno, in questo senso, della poesia dialettale quasi il manifesto di una precisa volontà di esistere in tale forma senza necessariamente prendere le distanze dalla nazione d’origine. Anzi, più spesso, il poeta preferisce scrivere oltre che in dialetto, in lingua e viceversa. E non per mera esercitazione estetica, ma per quella (ri-)scoperta di sé, io-narrante che la realtà come vita e la letteratura come espressione metafisica e profonda della vita sostanziano. Quindi non ripiegamento su di sé, bensì allargamento dell’esperienza gnoseologica: il poter parlare di sé è una conquista intesa socraticamente. E quale occasione o facilitazione migliore del poterlo fare con la lingua materna?

  Filippo Giordano è alla sua seconda prova di poesia in dialetto. «Ntra lustriu e scuru», infatti, fa seguito a «Scorcia ri limuni scamusciata» del settembre 2003 delle stesse “Edizioni il Centro storico” di Mistretta (con una preziosa prefazione di Giuseppe Cavarra), che aveva ottenuto consensi non solo di pubblico, non essendo passata inosservata a quella critica attenta a questo speciale tipo di pubblicazioni. Così che, a pieno titolo, il nome di Filippo Giordano si aggiunge alla bella schiera della grande tradizione di poesia in dialetto siciliano, dalla Conca d’oro alla sub-regione etnea, passando ora per Mistretta, rappresentata, nell’ultima generazione, dagli ottimi Antonino Cremona, Mario Grasso, Salvatore Di Marco, Nino De Vita, che, in vario modo, dicono la loro esigenza “colta” e “gergale”  in una fusione espressiva che qualcuno ha voluto definire neodialettalità.

Filippo giunge a questa forma con la maturità, dopo un lungo attraversamento di esperienza in lingua, sia come poeta che come narratore; questo fatto non mi pare un caso e non è da poco. Si direbbe, quasi, che c’è stata una sorta di “evoluzione ellittica”, mi si passi il termine; come se il poeta avvertisse il bisogno di dire qualcosa di tutto suo, altrimenti indicibile se non in forma arcaica, ancestrale. In quella forma si può parlare di sé e della propria esperienza intima anche col velo del pudore, sapendo che “quel” velo non ci può ingannare, ma piuttosto proteggere e non ci tradiscono le parole perché sono originali, antichissime, perciò sacre e profonde e non abbisognano di nessuna “versione” né conversione di senso. E anche le figure della narrazione, legate ai sentimenti e all’amore, sono quelle sole che possono rappresentare l’unica certezza che abbiamo in questa vita ( e forse anche dopo)  e che sta riposta nel buio luminoso (quell’enigmatico “ntra lustriu e scuru”, appunto) del nostro cuore: -( Iu piensu a cui muriennu n’annivisci / e puru a Maria Laura ca nasci. -Stasciuni. …na dda vanedda unni stava iu / c’erinu casuzzi chini ri cristiani / cu na rriggina pi ogni scarfaturi –Lampi e trona. All’annu chi me matri avia murutu / cu me mugghjeri a-emmu a visitari….n’arma ca forsi sintia e viria,…A nivi fora avìa ggià quagghjatu….siddu n’avissi statu ‘ncinta me mugghjeri /certu nun-mavissi ‘mprissiunatu: / abbrazziatieddi avissimu-acchianatu….-A Palumma. …Mi parsi Gesù Cristu chi carìu / purtannu a spadda a so pisanti cruci.”…-A caruta.). Solo l’accenno, ma, alla lettura necessariamente integrale di questi testi, quanta commozione, quanto tenero amore troverete, e quanta pietà! Tutto nell’espressione più semplice, dentro la vita semplice. Ed è in questa apparente semplicità, è proprio da qui che nascono le domande, le più profonde di cui si ammanta misteriosamente la nostra esistenza.

C’è, infatti, in queste nove poesie un filo di mistero che le annoda una all’altra come in un piccolo rosario. È il Mistero il vero protagonista della silloge, un mistero colto sorprendentemente da eventi nell’apparenza naturali come la nascita e la morte, ma che pone domande che possono avere risposta solo dentro di noi, socraticamente come dicevo prima, e anche nella Natura intesa come Luogo (tempio dei nostri ultimi dèi?...). Ma il mistero e il divino aleggiano tra questi versi senza far pesare la loro presenza e, a volte diluiti da impercettibile, sapiente ironia, non incombono. La stessa scelta formale -fatta di sonanti rime, di ritmi cadenzati dal metronomo dell’endecasillabo, cross, rima al mezzo,  allitterazioni, metonimie (un vero divertimento per gli appassionati di composizione poetica) –contribuisce ad avvicinare il testo al Lettore, mediante uno spontaneo strumento di seduzione nell’incanto della musica di cui questi versi risuonano mentre accompagnano la domanda dell’uomo. Vi è per essi una lievità sostanziata di laica religiosità, che riesce ad aprire varchi per la risposta che non si dà. Perché il mistero e il divino, come il bene e il male sono dentro di noi, più che nel tutto che ci avvolge e di cui siamo parte feconda di pensiero; questo i nostri Antichi ci andavano insegnando parlando quella lingua a volte sibillina, come questa qui riesumata:

-A manu riritta viu spirtizza e scuru!

( Quantu lustriu cc’è mmienzu a ssu scuru?)

A mancunìa, mmeci, vavareddi!

( Quantu scuru cc’è ntuornu a ssu lustriu?)

Nno-mienzu c’è stu nasu chi naschìa.

 

 

Ciccio Di Bernardo-Amato,  Pordenone, lì 8 settembre 2006.

 

Nota di FRANCO ANGELUCCI

“Ntra lustriu e scuru” (Fra luce e buio) è il titolo di una plaquette che Filippo Giordano dà alle stampe con i tipi delle Edizioni “Il Centro Storico” di Mistretta.

Si tratta di nove poesie in dialetto, nove poesie soltanto, straordinariamente sufficienti a chiarire un intero pensiero, a fornire in modo esauriente – ne siamo persuasi – le ragioni di una poetica. La prima di esse, quella eponima della raccolta, è già un segno preciso del percorso che si vorrà seguire: “Sugnu ntra lustriu e scuru, nna sta strata / chi sparti a manu manca ra riritta.” (“Sono, fra luce e buio, in questa strada / che divide la mano sinistra dalla destra.”) –dice il Poeta – come ad affermare di trovarsi sempre accompagnato, nel suo cammino, da ombre e lucori, ma dichiarando – e qui sta la portata dell’intuizione poetica – che gli opposti non sono mai stati in contrasto, nonostante le apparenze e persino la sostanza delle cose: “A manu riritta viu spirtizza e scuru! / (Quantu lustriu cc’è mmienzu a ssu scuru?) / A mancunìa mmeci, vavareddi! / (Quantu scuru cc’è ntuornu a ssu lustriu?)” (“A destra vedo esperienza e buio! / (Quanta luce c’è in mezzo a tale buio?) / A sinistra, invece, gibigiane! / (Quanto buio c’è attorno a tale luce?” E non ingannino i punti di domanda, ché la presenza non è messa in dubbio, semmai è la quantità che resta insondabile nella sua misura.

         Siamo entrati così, quasi in punta di piedi, nel vivo di questa poesia: una scrittura caratterizzata, negli aspetti formali, dall’uso di figure metriche e retoriche che privilegiano la musicalità e, in quelli contenutistici, dell’esposizione di avvenimenti per lo più abituali che favoriscono, a loro volta, la naturale leggerezza della narrazione. Ma non sarebbe ancora questo, in qualche modo, a farla uscire dal ristretto ambito, anche se significativo, dell’elaborazione vernacolare; vogliamo dire che ciò che ne fa una voce fuori dal coro o, meglio, una voce che “si aggiunge alla bella schiera della grande tradizione… siciliana” (dalla prefazione) è il lievito di quella riflessione privata e profonda sui quesiti esistenziali che non possono avere soluzione al di fuori, forse, dell’unica, parziale penetrabilità che risiede nella parola.

         “E’ il mistero – siamo totalmente d’accordo con il Prefatore – il vero protagonista della silloge”. Non c’è lirica che non  risenta del suo afflato, della sua indicibile imponenza eppure, alla fine, al termine dei racconti meravigliosamente semplici di Giordano, non resta che quel soffio, quella sua sfiorata permeabilità. Permane a lungo in noi, dopo la lettura, un senso arcaico che, se da un lato è di soggezione e finanche di arresa, dall’altro ci solleva, ci fa riconoscere l’inesplicabile, il divino come parte di noi stessi. Ecco perché questa prova è da collocarsi si – a nostro avviso – nell’area della poesia dialettale ma con quelle connotazioni che fanno della lingua madre un etimo universalmente compreso. E bene ha fatto il Nostro – se è lecito parlare di scelta – a servirsi della propria parlata per esprimere concetti che difficilmente vengono resi in questa direzione: a lui è riuscito e gliene va riconosciuto il merito.

         Torniamo, però, ai versi, all’insolita commistione di chiarezza e misteriosità in essi contenute: il Poeta prende sempre spunto da episodi che lo hanno visto interessato in prima persona ed è davvero sorprendente come il pathos narrativo si trasferisca dal particolare all’universale senza nessuna sbavatura, quasi che quella debba essere la sua naturale conclusione.

         Si potrebbe citare indistintamente ma si pensi alla sequela di immagini consegnate alla parole, sbattute forte “nna sta ran trancascia” (“sopra questa grancassa”), di “Stasciuni” (“Estate”): “Ora ca u cauru ogni gghiuornu crisci /…. / … a sira, pa missa, a vecchia nesci, / e Razzino n-campagna a crapa pasci… / … / u Sinnicu pensa a crisciri li tasci /… / A mmari cc’è cu smascia pi li pisci /… / Iu pienzu a cui muriennu n’annivisci / e puru a Maria Laura ca nasci.” (“Ora che il caldo ogni giorno cresce / … / verso sera, la vecchietta esce per la messa / e Orazio in campagna pascola la capra… / … / il Sindaco pensa ad accrescere le tasse / … / A mare c’è chi si dedica alla pesca … / Io penso a chi, morendo, non resuscita / ed anche a Maria Laura che nasce.”), alle risposte attese invano “ra carusanza finu o nonnu vavu” (“dalla gioventù fino alla vecchiaia del bisnonno”) di Cu nni sapi…? “ (“Chi lo sa?”), al fatto incredibile e misterioso, riferito “A Cicciu ca è dutturi” (A Ciccio che è medico”), della repulsione provata nei confronti di uno sconosciuto passante: “Ti ricu ca iddu nenti m’avia fattu; / né tannu né mai eppimu paroli. / U juornu ruoppu arristai cunfrenti / sintiennu ca r’infartu avia murutu…” (Ti dico che tra noi niente mai c’era stato; né allora né prima avemmo qualche battibecco. / Il giorno dopo rimasi allibito / sentendo che era morto d’infarto…”). Sono esempi che inequivocabilmente dimostrano che la rivelazione del Mistero non solo è possibile ma è continuamente sotto i nostri occhi: gli eventi eccezionali non sono altro – si pensi alla vicenda di Cristo – che la conferma dell’esistenza nel cuore di ogni singolo uomo della chiave della sua decifrabilità o indecifrabilità che dir si voglia.                                

Sandro Angelucci

www.literary.it

                                                        

Commento di FRANCO MARIA MAGGI

DUE PREZIOSI VOLUMI, IN VERNACOLO SICILIANO

Filippo Giordano, laica religiosità

 

Filippo Giordano, già noto per alcuni studi di matematica sui numeri primi, divenuti argomenti di tesi di laurea presso l’Università di Torino, è scrittore in lingua e in dialetto siciliano, autore di diverse preziose opere letterarie.

 Ricordiamo, con piacere, il suo volume di racconti, di grande effetto e ricco di tonalità ed espressioni minimaliste, “Voli di soffione, piccole storie di minima gente” pubblicato nel 2001.

In queste due opere in un vernacolo siciliano, sulla scia di Capuana (vedi “Teatro dialettale siciliano” 1911-21), più attualizzato, più antropizzato al “coevo”, Filippo Giordano ci propone, memore che la Sicilia è definita per antonomasia, con riferimento dantesco, “culla della poesia  italiana” (Federico II di Svevia ne è stato l’illustre antesignano), un documento umanizzato”, dove l’approfondimento psicologico, la pietà, l’amore, il mistero dell’esistenza, sono sentimenti che si fondono attraverso versi contrassegnati da fonematiche particolari e da glossemi di indicibile vis.

Scrivere in dialetto è “una forma empirica” di ripiegamento in se stessi per ritrovare un manifesto di chiara espressività nei confronti di una realtà senza “burqa”, priva di scadenti e disarmanti neointellettualismi ma sempre improntanta al “buio luminoso”: “Ntra lustriu e scuru” (fra luce e buio). In ambedue le raccolte il sacro e il profano s’abbracciano, non per arrivare a una sorta di conversione ma sic et simpliciter per ritrovare quella che lo stesso prefatore Di Bernardo definisce “lievità sostanziata di laica religiosità”.

Concordiamo con Giuseppe Cavarra, prefatore di “Scorcia ri limuni scamusciata”, nel riconoscere a Filippo Giordano la dolorosa forza epifanica di riuscire a drammatizzare il “verso dialettale” attraverso una realtà in continua metamorfosi, in dogliosa espansione, mai mortificata dalla passività ma sempre protesa a tutelare o a difendere quelle radici antropologiche ed etniche destinate ad essere corrose dalle “acque tumultuose dell’esistenza”.

Comune denominatore, quel “panta rei” eraclitiano dove ogni cosa tende a trasformarsi nel suo contrario,  così la lingua in dialetto e viceversa. Due raccolte di valore esponenziale, un altro suggello alla infaticabile attività letteraria di Filippo Giordano.

Franco Maria Maggi,  

Latmag (Bolzano)

                                  

Articolo di ANNA MARIA CRISAFULLI

Presentazione del libro 6/12/2006

Filippo Giordano: Ntra lustriu e scuru, ed. Il Centro Storico

 

Nei versi di “Ntra lustriu e scuru” (Fra luce e buio) di Filippo Giordano (ed. Il Centro Storico – Mistretta) scorre la vita, a sprazzi, a pennellate: la vita e il suo mistero, gli eventi belli e tristi, la nascita la morte, le occasioni, le difficoltà, le apparizioni, i messaggi da captare, i simboli da interpretare, gli enigmi da decifrare, che lasciano sempre l’animo sospeso tra ciò che sembrava e ciò che poteva essere. Il poeta vede scorrere la vita di una normale comunità e, insieme, la propria.

Sa di osservarla oggi con un altro cuore, con altri occhi, quelli del disincanto.  Ripensa agli occhi dell’infanzia, all’orizzonte ristretto e quieto, alla sensazione che nulla esistesse al di là di quel piccolo mondo rassicurante, al di là di quel tempo che scorreva lento e pieno di promesse (“cu nni sapìa tannu ri stu munnu / chi all’aria furria senza abbentu? / …/ Quant’era luongu u tiempu ri passari / chi misurava cu me nicu parmu, / ra carusanza finu o nonnu vavu.”). Questo sovvertimento delle dimensioni spazio-temporali, che si fa pensiero e sottile musica malinconica, crea stupore e smarrimento che il poeta non può che tradurre in versi, in parole, mirabile strumento di effusione del sentire e di comunicazione col prossimo che “sente”. Così canta Giordano: “…pigghju ri nna cascia / palori agghiummariati comu truscia / e i sbattu forti nna sta ran trancascia / spirannu ca u vientu forti sciuscia.”

Ma al linguaggio verbale, da qualche anno a questa parte, Filippo Giordano affianca quello altrettanto affascinante delle immagini ed ha riunito nell’album “Quattro stagioni a Mistretta” una sequenza di sue fotografie di carattere sociale e naturalistico” con alcuni scorci urbani sotto l’effetto neve del febbraio 2009”. Con le foto l’autore ci racconta molto di più di quanto non si dica nelle parole da noi tratte dalla quarta di copertina. Le bellezze architettoniche, ad esempio, la storia, la cultura, le tradizioni ed il suo amore per la sua terra, che promana dall’album come dalla silloge.

                                                                                  Anna Maria Crisafulli Sartori

                                                                                  Gazzetta del Sud, n.223/2010

                                                                                   

Nota di Angela Aragona

I CHIAROSCURI DELLA VITA

 “Sugnu ntra lustriu e scuru, nna sta strata / chi sparti a manu manca ra riritta” (Sono fra luce e buio in questa strada che divide la mano sinistra dalla destra). Ebbene, caro lettore, così inizia questo colorito libello di poesie che, con essenzialità e forte tradizionalismo, invita a condividere esperienze semplici, visitare luoghi antichi e se sentiste il bisogno di calpestare quelle strade, accogliete l’eco di questi versi indugiando con curiosità bambina tra le pagine e le righe.

Incantano i versi, come una nenia, come una voce che mugghia nel vento tra le vie, risalendo dal mare. Non è poesia che narra di realtà invisibili, ma piuttosto è la realtà concreta che struttura il verso, ricamando dalla lingua parlata, semplici moniti e proverbiali saggezze. Ma il poeta non s’estranea dal suo mondo, resta osservatore e sa d’apparentarsi ad ogni vicenda del paese, tuttavia con verghiana consapevolezza, disillude le attese ed esula frasi fatte e luoghi comuni. Infastidisce la schiettezza a tratti e intrecci di parole lasciano prender vita ai personaggi. Questi personaggi vengono accolti con spontaneità nei versi di Filippo Giordano, che li addita come se fossero conosciuti a tutti, come se il lettore fosse chiamato a partecipare alla poesia attivamente, ad essere compreso fra i versi, ad entrare in questo microcosmo di labirintiche stradine dove si può incontrare a gna Pippina, Pippinedda e Giusippina, Marietta, Maralucia e a gna Catina.

La vita sembra essersi fermata, eppur vividamente conserva il valore dell’antico, la rimostranza e l’ossequio alla memoria. Ma è bene precisare che la poesia Giordano non è un arrugginito mausoleo di solenni rimembranze, ma un omaggio nuovo, scherzoso e colorito alla vita che è stata la sua vita. Non vuole incatenare in statiche immagini i ricordi del suo cuore ma lascia che s’incarnino ancora e lo facciano sorridere, riflettere e anche imparare, perché nella vita, si sa, c’è sempre qualcosa da cui imparare. E così lo sentiamo esordire faceto “Di chiddu c’a stasciuni avi n’fasci /cantari ti vulissi picca scrusci” (Di ciò che l’estate serba in fasce / ti vorrei raccontare alcune cose). perché la poesia abbia sempre la freschezza e la giovialità e non si lasci catturare dal tempo così da non poter invecchiare mai.

                                                                       Angela Aragona

                                                                       Il Convivio, n. 28 – Anno VIII, n.1

                                                                       Castiglione di Sicilia, Gennaio – Marzo 2007

Nota di SANDRO GROS PIETRO

NTRA LUSTRIU E SCURU (Tra luce e buio)

 

Sono solo nove poesie in dialetto siciliano, con in calce la versione in lingua italiana curata dallo stesso poeta, gli scritti componenti questa curatissima edizione del Centro Storico di Messina, Ntra lustriu e scuru (Tra luce e buio), dello scrittore mistrettese, Filippo Giordano, su cui è stato curato un inserto in Vernice n. 33/34, pag. 243-253. Il libretto è arricchito dai disegni al tratto di Enzo Salanitro, che recano una cifra onirica di trasfigurazione romantica del reale, ed è prefato da Ciccio Di Bernardo-Amato, che osserva in chiave conclusiva: “Il mistero e il divino aleggiano tra questi versi senza far pesare la loro presenza e, a volte diluiti di impercettibile, sapiente ironia, non incombono”. Si tratta della seconda raccolta poetica in dialetto di Giordano che segue a Scorcia ri limuni scamusciata (cfr. Vernice n° 27/28, pag. 186) e che rimarca l’intento del poeta di rappresentare il collettivo sociale, la cronaca, la storia, il calendario dei giorni che passa e che consuma l’esistenza, ma questa volta con una scelta di versante intimo e sensibilizzato all’epica familiare, agli episodi chiave che costituiscono occasioni rivelative della vita ordinaria, con una ripresa potente e significativa dell’elemento autobiografico, come si riscontra nella splendida composizione A Palumma (La colomba), che ricostruisce un momento rivelativi e misterico dell’autore, in occasione di una visita di devozione alla tomba della madre.

 

                                                                Sandro Gros Pietro

                                                                Vernice, anno XIII n.35, Torino 2007 

                                                                                 

Nota di GIUSEPPE CAVARRA su "Il Pagnocco"

Filippo Giordano, Ntra lustriu e scuru (pref. di Francesco Maria Di Bernardo Amato), Edizioni Il Centro Storico, Mistretta 2006, pag. 32

Filippo Giordano presenta ai lettori la sua seconda raccolta di liriche in dialetto. Si tratta di nove liriche di diversa ampiezza in cui ciò che più colpisce è, oltre l’incisività delle immagini, il riserbo con cui il poeta si accosta al dialetto della sua terra come realtà autenticamente vissuta al di là di ogni tipo di convenzione comunicativa. Siamo in presenza del dialetto usato come lingua di poesia per darci il senso della vita (ri)stabilendo il contatto con le cose essenziali.

 

                                          Giuseppe Cavarra

                                          Pagnocco, n. 9

                                          Messina,  Settembre – Dicembre 2006

 

  

Nota di GIUSTO TRUGLIA su Club3

Ntra lustriu e scuru (Fra luce e buio) di Filippo Giordano, Edizioni Il Centro Storico. Nove poesie in siciliano “annodate come un rosario da un filo di mistero”, come commenta nella prefazione Ciccio Di Bernardo Amato. Belle le illustrazioni. Traduzione a fronte.

Giusto Truglia, Club3, Milano Anno XIX, n.2, Febbraio 2007

Nota di PAOLA FEDELE

Nella brevità di nove poesie espresse nel dialetto d’origine, quello di Mistretta, Filippo Giordano ci rende partecipi di un dialogo, spesso aperto connubio coniugale, e ci invita da amici –suoi lettori- al racconto che si apre nelle pagine di questo quadernetto:- felice, per armoniosa completezza di contenuto e di fattura.

La poesia si veste di narrazione e di un dire pacato, che dà luce ai ricordi, sul muro bianco dell’anima del poeta, come ombre cinesi, si proiettano le memorie che marcano con segni netti le emozioni. Così i disegni, nella loro essenzialità semplici e maturi, ben inseriti e scelti, con tratto sicuro aprono seguono e chiudono, in antica e pregiata cornice, questa poesia “rotatoria”. Parte da sé il pensiero e, nel percorso che chiude il cerchio al punto di partenza, a sé ritorna: tondo. Tondo, in un susseguirsi di domande di eventi che nel loro svolgersi lasciano l’autore e tutti noi nel perenne dubbio della ragione che non dà risposte certe.

Ognuno vive nei suoi limiti e si distrae della sicura morte, per obliarla, nel modo più consono e soddisfacente e: “a-mmari cc’è cu smascia pi li pisci / e fimmini ca s’arruscinu li cosci” (e a mare c’è chi si dedica alla pesca / e donne che si bagnano le cosce). Il poeta invece si distrae e non si distrae scrivendo: scandagliando nel profondo, e si dibatte. Vuol credere al miracolo della vita e in una nascita, quella di Maria Laura, comprendere tutte le altre nascite: il generare, dare la vita. Vuole capire –inquadrare e quadrare- e così giustificare il motivo di questo umano perpetuarsi e, come novello San Tommaso nel limite del vedo e tocco, si logora pensando “a chi morendo non risuscita” “Iu pienzu a cui muriennu n’annivisci”.

Filippo Giordano s’arrovella, scruta gli eventi con pignoleria, la sua mente matematica soffre, arzigogola, in un vano conteggio di fatti: un puzzle in cui i pezzi non combaciano e i risultati non sono esatti.

Il capriccio convulso della ragione si limita ad analizzare le scansioni del tempo nei suoi accadimenti che, pur semplici, non convincono l’animo del poeta spingendolo oltre, in quell’oltre che sente fluire nelle sue vene nel profondo.

Un oltre che coglie e non può quantizzare, sperimentare, contare, toccare, dimostrare con la ragione. Sospesi tra cielo e terra, ntra lustriu e scuru  (fra luce e buio), noi, particelle di dubbi e di incertezza vaghiamo nel pensiero: -privilegio della ragione e, in essa, umana finitezza. Ci chiediamo, nel sogno incubo dell’umano (vita e morte), se la causa determina l’effetto o se è l’effetto che determina la causa e annebbiati in questo sogno, perpetuo ritornello dell’esistere, guardiamo nella sfera magica della nostra essenza e incerti percorriamo l’ultimo tratto della via, con la speranza che ogni piccolo strano evento non sia magìa del caso, ma sicura certezza di Risurrezione, che in questa verità esclude ogni magia, èd è grande forza per chi crede. Ogni elemento quadra, tutto si incastra, ogni segno e certezza ed ogni numero è 1 (Uno).

Quantu scuru c’è mmienzu a su lustriu?” “Quantu lustriu c’è mmienzu a ssu scuru?” (Quanto buio c’è attorno a tale luce” “Quanta luce c’è in mezzo a tale buio?” …e, ad animo maturo, la luce filtra, e una mano compagna aiuta: “me mugghjeri / attruvau a firi / e ma pruìu” (Mia moglie trovò la fede e me la porse).

                                                                                  Paola Fedele

Scrivi un nuovo commento: (Clicca qui)

123homepage.it
Caratteri rimanenti: 160
OK Sta inviando...
Vedi tutti i commenti

Commenti più recenti

11.12 | 12:32

Filippo, sei sempre sulla "breccia dell'informazione" e ci regali dei fatti storici molto interessanti. Grazie.

...
19.08 | 11:17

Molto interessante, grazie per averci fatto conoscere la storia della processione di San Sebastiano.

...
25.04 | 18:13

Grazie del commento. Hai colto a perfezione!

...
25.04 | 12:49

QUANDO SI AGGIUNGE UN NUOVO TASSELLO A QUALCOSA DI MISTERIOSO ,C'E' SEMPRE UNA GRANDE GIOIA CHE CI RISCALDA IL CUORE, LA MENTE E L'ANIMA. EUREKA!

...
A te piace questa pagina